Visto


Visto del 2 luglio 2004

Visto Sole, mare, sabbia: che disastro! I capelli? Salvali con le treccine.
di Annalisa Coviello

Giro del mondo in cerca dei segreti di bellezza - I trucchi delle donne africane - Lo stile "afro" non è adatto solo a chi a i capelli scuri, ma anche alle bionde.


Los Angeles (Stati Uniti). Il successo della cantante Alicia Keys, 23 anni, e' dovuto alla sua straordinaria voce, ma anche alla bellezza ereditata dalla mamma italiana e dal papa' afroamericano. Il trucco delicato e i capelli legati in mille treccine arricchite da perline fanno il resto. Con l'estate, viene a tutte voglia di cambiare un po' il look. Perché non provare quindi un'acconciatura in perfetto stile "afro", la moda che ormai da qualche anno si è ampiamente diffusa anche da noi?

Nate nelle regioni subsahariane, cioè nei paesi dell'Africa centrale, le "treccine" che hanno tentato pure Totti si ritrovano anche in altre aree, quali i Caraibi e il sud America, e costituiscono un sistema di protezione per i capelli delle donne di colore, che tendono ad essere molto fragili e quindi difficili da acconciare. Ma anche le ragazze biondo platino e di carnagione chiarissima possono trovare, come vedremo, dei giovamenti da questo tipo di look, che, occorre precisare, non rovina assolutamente i capelli, anzi, tutt'altro.
Ne abbiamo parlato con Gianni Valenza dell'associazione Lovely Hair (per maggiori informazioni rimandiamo al sito internet www.LovelyHair.it), un gruppo di "artisti", di origine africana, diffusi in tutta Italia, veri e propri maghi delle treccine. "Alla base di tutto", ci spiega Gianni, "sta la manualità nel combinare i capelli naturali con le estensioni sintetiche". É infatti consigliabile, per un buon lavoro, rivolgersi ad un esperto del ramo, mentre la "manutenzione" dell'acconciatura, così come la sua rimozione, può essere fatta da soli.
Innanzitutto, perché l'estensione dei "capelli sintetici"? "La lavorazione in treccine riduce moltissimo il volume naturale dei capelli, quindi l'effetto finale potrebbe essere deludente. Inoltre il materiale sintetico utilizzato ha anche un effetto protettivo, e consente ai capelli naturali una pausa di riposo e la possibilità di recuperare i danni subiti da troppe tinture e messe in piega, così come dagli effetti di secchezza generati da gel, spray e mousse. E, infine, grazie alle estensioni, chiunque, anche con i capelli corti, può farsi questo tipo di acconciatura.
Ogni ciocca, infatti, viene fissata non con le classiche resine, ma con una specie di nodo chiamato secret hand, che non crea poi alcun problema in fase di rimozione ma che garantisce comunque un'ottima tenuta almeno per tre mesi. A seconda del tipo di treccia scelta, che può essere classica, aderente a tortiglione, per arrivare alle acconciature rasta, e del materiale sintetico scelto, variano naturalmente i tempi e i costi di acconciatura. Questi ultimi sono abbastanza lunghi, in genere sulle sei-sette ore, per una media che va da 150 a 250 treccine, ma possono anche essere previste più sedute, mentre i prezzi non sono proibitivi: si parte da un minimo di 30 euro per il materiale, cui vanno aggiunti i costi di lavorazione. Insomma non tanto di più di quanto spende chi va tutte le settimane dal parrucchiere, con il vantaggio di avere una acconciatura garantita per tre mesi... Inoltre, con il materiale sintetico, è possibile giocare anche coi colori, in modo da avere effetti di sfumature e meches".
Una volta fatte le treccine come conservarle al meglio, il più a lungo possibile (ma mai oltre i tre mesi, dato che altrimenti inizierebbero ad annodarsi, con un effetto estetico non certo piacevole)? "La principale avvertenza", ci spiega Gianni, "è quella di non lavare i capelli per i primi quattro-cinque giorni, in modo da dare il tempo all'acconciatura di stabilizzarsi. Per evitare poi gli arruffamenti è opportuno usare particolare cautela mentre si fa lo shampoo. È sempre meglio diluire il prodotto con acqua, per evitare un'eccessiva secchezza della cute, e la formazioni di un film opaco sulle treccine. Durante il lavaggio bisogna massaggiare il cuoio capelluto e far semplicemente scivolare acqua e shampoo sulle treccine e magari utilizzare un pettine piccolo per pulire a fondo la radice del capello... In genere, tranne casi specifici, sono consigliabili due shampoo al mese.
Per asciugarle, poi, dopo averle fatte gocciolare, è opportuno raccoglierle con un telo l'acqua e, se proprio si vuole usare un phon, ricordarsi di non selezionare mai la temperatura massima, per evitare antiestetiche pieghe. Per mantenerle lucide e brillanti sono in commercio degli spray specifici. Il mio consiglio, soprattutto per le treccine aderenti, e di raccoglierle la sera prima di andare a dormire in un fazzoletto di raso, in modo da evitare l'attrito con il cuscino".
Andateci tranquille al mare o in piscina: le uniche avvertenze sono di sciacquare con attenzione le treccine dopo il bagno, per evitare la formazione di incrostazioni saline, e di ricordarsi sempre di applicare un solare spray per il cuoio capelluto, per evitare scottatura tra una treccina e l'altra. Per rimuoverle, poi, occorre tanta pazienza e l'aiuto di un'altra persona. "Innanzitutto" dice il nostro esperto, "vanno tagliati via gli estremi delle treccine, quella parte cioè realizzata solo con il materiale artificiale. Bisogna quindi scioglierle una ad una, partendo dalle estremità e proseguendo verso la radice. È consigliabile usare un pettine a coda, procedendo passo per passo, senza forzare.
Dato che i capelli avranno accumulato sebo nel punto in cui la treccina è stata innestata, occorre subito eliminarlo con un'adeguata pettinatura da fare ciocca per ciocca. Alla fine della rimozione basta effettuare un adeguato lavaggio con balsamo ed applicare un prodotto ricostituente".
Per chi volesse seguire lo stile afro anche nel trucco, ricordiamo che le sopracciglia (tranne nel caso di Whitney Houston) in genere vengono rasate e ridisegnate, mentre le ciglia vanno il più lunghe possibile. Attenzione al rossetto che deve essere scelto in una tonalità non particolarmente accesa, perché le labbra non vanno mai evidenziate.



Contatta l'Associazione Lovely Hair se vuoi scrivere un articolo o usare il materiale.    Consulta la mappa grafica che elenca tutte le principali pagine.    Visita i siti a noi collegati, o le directory internet che parlano di noi.