Cafè Noir


Il Mondo di Café Noir di marzo 2003

Café Noir Treccia afro style
redazione di Moda.it

Trecce, treccine e microtreccine. La tradizionale acconciatura di origine africana è arrivata in Italia già da alcuni anni e ha subito conquisto le teste di tanti giovani e meno giovani, che hanno deciso di dare un tocco di colore e di stile etnico al proprio look.


La realizzazione delle treccine, piccole o grandi che siano, non ha grosse controindicazioni se non il tempo impiegato nell'esecuzione del lavoro: da un minimo di 3 ore fino a raggiungere oltre 10 ore di lavoro da parte di un parrucchiere specializzato.

Queste acconciature proteggono il capello e addirittura lo rinforzano: infatti sono normalmente portate dalle ragazze di colore, che senza seguire nessuna moda realizzano le treccine per proteggere i loro capelli che per natura sono fragili e tendono a spezzarsi.
Quella delle treccine è un'acconciatura che offre numerose variabili in base al tipo di capello: quelle classiche possono essere per esempio arricchite colorando il capello, scegliendo la dimensione (piccole o grandi) o la lunghezza.
In alternativa si possono realizzare le treccine aderenti, particolarmente indicate per chi ha capelli fragili, che in questo modo si rafforzano oltre a creare un certo alone di fascino intorno alla persona che le porta. E poi ancora le microtreccine, numerose piccole trecce da portare sciolte o raccolte e per finire le treccine twisted o tortiglioni.
Ma le varianti a questo tipo di acconciatura possono essere tantissime, sta alla fantasia del parrucchiere e alla fisionomia del volto della persona che le vuole realizzare scegliere la tecnica: possono essere utilizzate anche le extension (allungamenti dei propri capelli con altri, sintetici o naturali) per creare capigliature lunghissime e folte.
Per avere un tocco di etnico... basta avere pazienza!



Contatta l'Associazione Lovely Hair se vuoi scrivere un articolo o usare il materiale.    Consulta la mappa grafica che elenca tutte le principali pagine.    Visita i siti a noi collegati, o le directory internet che parlano di noi.